Comune di Avella - Provincia di Avellino -

Progetto Albo Pretorio Informatico

L’art. 32 della legge 18 giugno 2009, n. 69, nell’intento di promuovere l’eliminazione degli sprechi relativi al mantenimento di documenti in forma cartacea, ha statuito, con il comma 1, che “A far data dal 1º gennaio 2010, gli obblighi di pubblicazione di atti e provvedimenti amministrativi aventi effetto di pubblicità legale si intendono assolti con la pubblicazione nei propri siti informatici da parte delle amministrazioni e degli enti pubblici obbligati.”; e con il comma 5, che “A decorrere dal 1º gennaio 2010 ... le pubblicazioni effettuate in forma cartacea non hanno effetto di pubblicità legale, ...”;
con Decreto milleproroghe del 17 dicembre approvato dal Consiglio dei Ministri si prorogavano di sei mesi i termini per l’adeguamento da parte delle Amministrazioni obbligate, fissandoli dal 1° gennaio 2010 al 1° luglio 2010, ulteriormente prorogati con il testo definitivo convertito in legge n. 25 del 26 febbraio 2010, con il quale veniva data un’ulteriore proroga di sei mesi, dal 1° luglio 2010 al 1° gennaio 2011.

L’Albo pretorio informatico consiste nella parte dello spazio “web” del sito informatico istituzionale di questo Ente riservato esclusivamente alla pubblicazione degli atti e dei provvedimenti per i quali disposizioni di leggi e/o di regolamento, prevedano l’obbligo di pubblicazione avente effetto di pubblicità legale a qualunque funzione, pubblicità notizia, dichiarativa, costitutiva, integrativa dell’efficacia, ecc. – essa assolva.

A decorrere dal 1° gennaio 2011, o da successiva decorrenza stabilita da norma di legge modificativa o integrativa di vigenti disposizioni, tutti gli atti, per i quali sussista l’obbligo di pubblicazione all’Albo pretorio, conseguono la pubblicità legale soltanto con la pubblicazione all’Albo pretorio informatico, sul sito web istituzionale di questo Ente.

A decorrere dal 1° gennaio 2011, l’affissione di atti cartacei al previgente “Albo pretorio documentario” non ha più efficacia di pubblicità legale e, quindi, non fornisce agli stessi atti la presunzione di conoscenza legale; da tale data l’Albo pretorio documentario avrà la funzione di mero strumento utile a consentire una maggiore conoscibilità di fatto degli atti stessi.

Avviso Pubblico
Presentazione del Responsabile
Regolamento comunale
Disciplinare Tecnico del Responsabile

L’accesso agli atti pubblicati all’albo pretorio informatico deve essere esercitato attraverso la consultazione di documenti originali digitali ovvero di copie digitali conformi prodotte secondo le norme di cui al disciplinare tecnico adottato con determinazione del Responsabile dell'Area amministrativa n. 56/2010 e alle norme tecniche di cui all’art. 71 del d.lgs. 82/2005.
L’utente può richiedere copia degli atti secondo modalità e criteri disciplinati da norme di legge o di regolamento. Le richieste potranno essere inoltrate tramite sistemi di posta elettronica certificata (PEC). In quest’ultimo caso, gli atti dovranno essere trasmessi tramite lo stesso mezzo (PEC) e in conformità alle norme tecniche di cui al citato disciplinare.

L’utente accedendo allo spazio web dedicato del sito web istituzionale potrà consultare gli atti in pubblicazione ovvero un archivio storico degli atti pubblicati. L’accesso è libero e non controllato da regole di profilazione. L’archivio storico delle pubblicazioni è organizzato con modalità che inibiscano la disponibilità degli atti per periodi superiori a 5 anni.
Il sistema informativo per la consultazione degli atti via web è organizzato con modalità che non consentano la rintracciabilità dei documenti dai normali motori di ricerca internet.
 
La pubblicazione degli atti di matrimonio avviene con l’applicazione delle regole tecniche, di cui all'art. 2 del disciplinare tecnico adottato con determinazione del Responsabile dell'Area amministrativa n. 56/2010, ed a cura dell’Ufficiale di Stato Civile autorizzato.